Monday, April 2, 2012

"Ritratto di Signora"- Il mio turno: Donne di altri tempi



Buongioooorno! Benvenuti a una nuova puntata di "Ritratto di Signora", la rubrica della quale vi ho parlato per la prima volta QUI, in collaborazione con Miki di MIKI IN THE PINK LAND e Monica di BOOKSLAND.
Stavolta è il mio turno, quindi...bando alle ciance!

PREMESSA: mi rendo conto del fatto che questo “ritratto” sia un po' atipico. Però è stato scritto col cuore; di getto, smaniosa di riportare su un foglio elettronico le immagini che mi si affollavano nella mente. Poi, alla fine, l'ho riletto e sono rimasta scossa. Scossa ed emozionata, perchè sono una logorroica senza speranza, una di quelle che travolge gli amici con una valanga di parole e racconta alla gente appena conosciuta barzellette che non fanno ridere nessuno, ma poi, quando si tratta di parlare dei miei sentimenti, divento incredibilmente laconica. Soprattutto con coloro coi quali non dovrei esserlo.
Devo quindi ringraziare tutti gli amici di “Ritratto di Signora”, perchè grazie a quest'articolo sono riaffiorati dei ricordi sepolti da tempo e ho potuto trascrivere emozioni che ancora non avevo espresso.
Bene, fine del momento serio. La Messa è finita, andate in pace.
Ah no, fermi, dovete ancora leggere il post!

Quando ho cominciato a pensare a quale personalità descrivere all'interno di questa rubrica mi è subito venuta in mente l'immagine di mia nonna. No, non è una barzelletta e nemmeno un modo di dire!
Come ha detto Miki, l'intento di “Ritratto di Signora” è quello di parlare di “Donne con la 'd' maiuscola, che comunichino un messaggio di serietà, di valori veri e di moralità”. Io ho pensato che non sia necessario andare troppo distante per trovare questi esempi: alcuni li abbiamo già accanto a noi ogni giorno. Mia nonna non si è mai battuta per le pari opportunità, non ha mai marciato in difesa della libertà di opinione, non ha mai firmato petizioni per i diritti umani. Ma è stata una donna forte e una madre pronta a fare di tutto per i suoi figli, come tante altre madri.
Mia nonna è vissuta nella Sicilia del fascismo, si è sposata in un abito bianco, immortalata in una seria foto in bianco e nero, e ha cresciuto i suoi quattro figli. Era una donna caparbia, mia nonna, che non si faceva mettere i piedi in testa da nessuno. Aveva i valori di una società tradizionalista, rimasta per certi versi ancorata al passato: la religione, la famiglia, il rispetto degli altri, il sacrificio personale in nome di chi si ama. La religione può essere più o meno condivisa, ma in quanti possiamo dire di avere oggi sotto gli occhi esempi di personalità che promuovano gli altri punti? E' forse la televisione a passarci un'immagine di serietà e onestà? Sono forse gli uomini che ammiccano ogni giorno dalle foto sui giornali? E' per questo che ora sto scrivendo di mia nonna, perchè lei, nel suo piccolo, ha fatto tutto ciò che doveva fare, credendo in ideali che ormai, purtroppo, sono spesso poco considerati. Lei e tante altre donne “normali”, per le quali non posso però parlare poichè non le conosco.
Mi ricordo le sue mani forti e instancabili che impastavano la pasta per la pizza. Tanta di quella farina che avrebbe potuto sfamare l'Africa intera, teglie e teglie imburrate per riempire la pancia di tutti i parenti. Si alzava alle cinque di mattina e incominciava a lavorare per i suoi nipoti, che tanto amavano tutto ciò che le sue mani di cuoca in borghese creavano. Quando andavo in cucina alle dieci, già stremata dal caldo di agosto e stanca come solo noi giovani di oggi possiamo essere appena svegli, la trovavo più pimpante di me, pronta a baciarmi, a parlarmi in dialetto, a ridere con complicità. Aveva una risata bellissima, profonda e calda, che si estendeva ai suoi occhi neri e faceva venire voglia di sorridere; non come quelle fredde risate di cortesia che troppe volte esibiamo. Quando si arrabbiava, invece, diventava una piccola furia con la voce grossa, pronta a fare una scenata napoletana di tutto rispetto. Ma durava poco: non era capace di tenere o farsi tenere “il muso”. La domenica si metteva un vestito a fiori, un po' si rossetto, prendeva la sua borsetta e andava a Messa. Era bella, non aveva bisogno di trucco: la pelle ancora giovane e scura, i capelli neri, il sorriso aperto e sincero. Non aveva paura di faticare: in autunno andava a bacchiare le olive, le portava al frantoio; il resto dell'anno lavorava nel suo negozio di Articoli da Regalo. Non si tirava mai indietro davanti alla fatica, perchè sapeva che quello che faceva rendeva felici le persone intorno a lei e contribuiva a costruire il loro futuro. La sera, quando tornavo dal mare, avrei potuto chiederle di cucinarmi un banchetto che lei senza battere ciglio si sarebbe alzata, sarebbe andata al negozio sotto casa e avrebbe poi cominciato a prepararlo.
Per me, per vedere un sorriso sul volto di una ragazzina di tredici anni. Dava senza chiedere nulla in cambio, per amore. In teoria dovremmo farlo tutti, in pratica non è così. Ma se ognuno di noi condividesse un po' della premura, dello spirito di sacrificio, della gioia di vivere che mia nonna aveva, allora potremmo definire la nostra società “civile”. E io non sarei qui a scrivere questo post.

Vi ricordo gli altri blog aderenti all'iniziativa:

http://phoede.blogspot.com/
http://francilettricesognatrice.blogspot.com/
http://diariodiunadipendenza.blogspot.com/

Alla prossima ;)

17 comments:

  1. Questo ritratto è davvero stupendo! Grazie mille per averlo condiviso con noi!

    ReplyDelete
  2. Tua nonna deve essere stata eccezionale :)

    ReplyDelete
  3. Un ritratto davvero commovente, un ricordo che, si vede, conservi con amore, è un onore che tu abbia voluto condividerlo con noi. Grazie davvero!
    P.S. E così tu sei in parte sicula! Non ne avevo idea.

    ReplyDelete
    Replies
    1. Grazie Ery, sono io che devo ringraziare voi per avermi permesso di condividerlo! Esatto, mia mamma è di Agrigento! Anche tu siciliana, vero??

      Delete
    2. Già, ma della costa jonica.

      Delete
  4. troppo bello ed emozionante, grazie mille per averlo condiviso.

    ReplyDelete
    Replies
    1. Grazie a tutte voi per avermi dato l'opportunità di farlo!

      Delete
  5. Ciao! Sono Mik di Diario di una dipendenza :)
    Complimenti per il bellissimo post..è stato un piacere avere modo di "ospitarlo" sul blog! :) Veramente sincero e molto delicato. Emozionante!
    PS. Sono appena diventato follower! ;)

    ReplyDelete
    Replies
    1. Ciao Mik! Grazie a te, sono contenta di poter condividere una cosa del genere con chi può apprezzarla :)
      Ti seguivo già ^^ A presto!

      Delete
  6. che bello questo ritratto di tua nonna, è vero noi giovani (la maggior parte) ci stanchiamo molto ma molto più facilmente, anzi nemmeno sappiamo la vera "fatica" qual'è!

    Rollolollo
    Bloglovin

    ReplyDelete
    Replies
    1. Purtroppo sì, siamo abituati fin troppo bene!

      Delete

Thank you for commenting! I created this blog for sharing ideas, so I really love each comment and suggestion:) I always read and answer to them :*

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...