Monday, June 11, 2012

La filantropia ai tempi di Facebook

Se prima si diceva "la madre dei cretini è sempre incinta", ora è necessario correggere in "il Facebook dei cretini è sempre aperto".
Appena entrati nella homepage potete respirare finto buonismo a pieni polmoni: qua un link con un uomo senza braccia e la scritta "Ma la vita è pur sempre meravigliosa! Condividi se sei d'accordo!", là un povero bambino affamato del Biafra, più giù la foto di un malato di tumore che urla a gran voce "Io non mi vergogno di pubblicare sulla mia bacheca un ammalato di tumore! Quanti mi piace??".
Ragazzi, che pena. Veramente, avete le fette di prosciutto sugli occhi e il cervello imbottito di mortadella? Ma uno deve venire a dirvelo in faccia quanto squallore ci sia in tutto ciò?
Vi si spezza il cuore al pensiero della povera gente che soffre di emorroidi? Mettetevi a distribuire Imodium agli incroci!
Vi commuovete fino alle lacrime alla vista di una ricrescita sui capelli? Andate a protestare in piazza!
Non riuscite a dormire la notte tormentandovi per tutte le zanzare che vengono uccise ogni giorno in Italia? Fate un po' di sano volantinaggio!
Ora, non dico che tutti coloro che piangono per i terremotati debbano prendere la pala e partire per l'Emilia, ma ci sono comunque mezzi più concreti di Facebook per dimostrare il proprio supporto. Che so, se siete sensibili ai poveri bimbi neri come il carbone con le braccine come stecchini e la pancia gonfia non ci vuole molto a raccogliere i vestiti smessi e portarli in un centro di missionari.
Tanto fumo e niente arrosto, come al solito: quanti di quelli che pubblicano tutto il giorno queste cagate su internet e si fingono interessati poi fanno effettivamente qualcosa? Quanti donano alla ricerca contro il cancro? O anche solo, quale sarà la percentuale dei "politicanti" del web che si informa davvero, che legge i giornali, che partecipa ai convegni? Guardate che anche se non vi importa della politica non succede nulla eh, non è facendo i paladini di questo o quel partito che si diventa fighi. Prendete me, ad esempio: di cose del genere mi interesso il minimo indispensabile, eppure...ok, ho scelto l'esempio sbagliato perchè sono sfigata. Vabbè, avete capito che cosa voglio dire.
Insomma, rassegnatevi: non è uno status di Facebook che cambia il mondo. I social network possono rivelarsi utili per divulgare alcune notizie, ma prendiamoli per quello che realmente sono: uno strumento ludico, non di rivoluzione.
Per tutto il resto c'è Mastercard.

Va' che belle le ultime frasi, staranno a pennello sulla copertina della mia biografia!

 Ohggesù, ma che è 'sta robba??

 Ma sei scemo o mangi i sassi?

Per pietà, basta con queste cagate!

14 comments:

  1. Pienamente d'accordo con te. Il problema è che le statistiche hanno dimostrato come in rete si sia tutti più buoni. O forse più rincitrulliti...

    ReplyDelete
    Replies
    1. Mi sa la seconda...tanto fumo e niente arrosto!

      Delete
  2. OOOOH, bravissima! Quando lo dico io, vengo presa per senza cuore da questi soggetti, ma sono solo realista!
    Sono talmente tanto d'accordo con te che ti ho assegnato un premio, vai a controllare (e magari ogni tanto rispondi :P )

    ReplyDelete
    Replies
    1. Ma quale senza cuore, la gente parla troppo e agisce poco! Muchas gracias chica (international!)! Ma come, sono sempre attaccata al computer!!

      Delete
  3. Sono assolutamente d'accordo con te!

    Comunque se ti va passa da me, mi farebbe davvero piacere, io ti seguo già :)

    ReplyDelete
    Replies
    1. Oh che bello, non sono l'unica!
      Grazie Vanessa, passerò sicuramente!!

      Delete
  4. Se voglio fare veraente del bene non ho necessità di sbandierarlo a destra e a manca. Come diceva una antica pubblicità "sono solo fatti miei!"

    ReplyDelete
    Replies
    1. Infattamente, urlarlo al mondo intero mi sembra decisamente di cattivo gusto.

      Delete
  5. Concordo, c'è tanta gente ridicola, che fa il buon samaritano sul web e poi se ti trova per strada neanche ti saluta. Sarebbe bello che tutti questi virtuosi lo fossero in primis nella vita reale

    Style shouts

    ReplyDelete
    Replies
    1. Sai come si suol dire Alessia, leoni da tastiera!

      Delete
  6. Ciao Clara,
    chi veramente vuole far qualcosa non pubblica nulla, lascia la sua piccola traccia in quell'associazione o lascia qualche soldino a qualcun'altro posto, ma non mette le bandiera in piazza per farlo sapere a tutti. Baci buona giornata Alex

    ReplyDelete
    Replies
    1. Come diceva Ery! Quella non è "beneficenza", è solo voglia di farsi vedere e farsi adulare. Buona giornata a te cara!

      Delete

Thank you for commenting! I created this blog for sharing ideas, so I really love each comment and suggestion:) I always read and answer to them :*

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...